logo

primopiano

GLI ARCHITETTI DI ZEVI

25 aprile 2018 - 16 settembre 2018

GLI ARCHITETTI DI ZEVI. STORIA E CONTROSTORIA DELL’ARCHITETTURA ITALIANA 1944-2000

Galleria 2
a cura di Pippo Ciorra, Jean-Louis Cohen

No all’architettura della repressione, classicista barocca dialettale.
Si all’architettura della libertà, rischiosa anti-idolatrica creativa.

Bruno Zevi

In occasione del centenario della nascita, il MAXXI dedica una mostra realizzata in collaborazione con la Fondazione Bruno Zevi, al grande storico, docente, critico, politico e progettista e a quell’architettura italiana moderna e contemporanea che ha sostenuto e promosso con il suo lavoro.

Attraverso disegniplastici e materiali visivi la mostra vuole rendere più chiaro il ruolo fondamentale che ha avuto Zevi nel dibattito architettonico nazionale del dopoguerra, evidenziando l’importanza del rapporto tra Architettura e politica attiva.

Maurizio SacripantiLuigi PellegrinFranco AlbiniGiovanni MichelucciMario RidolfiCarlo Mollinosono soltanto alcuni dei 35 architetti in mostra, i cui progetti, pubblicati e sostenuti da Zevi, hanno accompagnato il suo percorso in oltre 50 anni di attività critica e militante.

La mostra rappresenta sia un punto di vista inedito sull’architettura italiana dal dopoguerra alla fine del XX secolo, capace di “riscoprire” progettisti di straordinaria creatività, sia l’occasione per dare spazio alla grande produzione critica e saggistica di Zevi, alla sua passione politica e sociale, alla sua presenza nella storia civile del paese.

giovedì 26 aprile 2018, 18:00 - 19:30

Cento anni di Bruno Zevi.

La politica delle idee. Jean-Louis Cohen, Pippo Ciorra e Massimo Teodori

Sala Carlo Scarpa – ingresso € 5 – abbonamento tre incontri € 10
Ingresso gratuito per i possessori della card myMAXXI, con possibilità di prenotazione del posto per i primi 10, scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it entro il giorno prima dell’evento

Il pensiero critico e il ruolo svolto da Zevi nel processo di rinnovamento della critica architettonica italiana.

Un ciclo di incontri organizzati in occasione della mostra Gli Architetti di Zevi. Storia e controstoria dell’architettura italiana 1944-2000 per approfondire la figura del grande progettista italiano attraverso le parole di studiosi e docenti internazionali.

Nel primo incontro i curatori della mostra Jean-Louis Cohen e Pippo Ciorra dialogano con Massimo Teodori storico, politico e giornalista italiano.
Sempre impegnato sul fronte politico e dei diritti civili, durante il fascismo Bruno Zevi è stato membro del movimento clandestino Giustizia e Libertà e ha diretto i Quaderni Italiani. A partire dal secondo dopoguerra ha militato nel Partito d’Azione, in Unità Popolare, e infine nel Partito Radicale esperienza quest’ultima che gli ha consentito di divulgare il concetto di un’architettura organica legata al contesto ambientale capace di ricercare e trovare un equilibrio con la natura.

Introduce
Margherita Guccione Direttore MAXXI Architettura

Intervengono
Jean-Louis Cohen architetto, storico dell’architettura e curatore della mostra
Pippo Ciorra Senior Curator MAXXI Architettura e curatore della mostra
Massimo Teodori storico, politico e giornalista italiano

Intorno alle mura di Roma

Le mura Aureliane rappresentano un patrimonio storico culturale unico, eppure versano in uno stato di abbandono e di degrado. La cinta muraria,nonostante la sua potenza, è un patrimonio inerte che non si è integrato al sistema urbano, non è diventato una infrastruttura per la riqualificazione della città, né una vera risorsa per i cittadini e i turisti.

L’associazione Mura Latine, l’INARCH Lazio e il Dipartimento di Architettura e Progetto della Sapienza hanno avviato un programma di ricerche e di iniziative per la riscoperta delle potenzialità delle mura e la promozione di un parco urbano e di un itinerario pedonale lungo il suo perimetro, riprendendo le proposte e le indicazioni dell’*ambito di programmazione strategica Mura *individuato da Piano Regolatore urbanistico di Roma e mai attuato.

Con il progetto *Intorno alle mura di Roma *si vuole riportare l’attenzione della cittadinanza, delle istituzioni, degli operatori pubblici e privati su una risorsa straordinaria, che va riscoperta come bene comune e riproposta come grande progetto urbano capace di interpretare e riqualificare le relazioni tra il centro città e la sua prima espansione. 

OPEN HOUSE ROMA 2018

#OHR18 FATTORE UMANO
12—13 MAGGIO 2018

#OHR18

Open House Roma è un evento annuale che in un solo week end consente l’apertura gratuita di centinaia di edifici della Capitale notevoli per le loro caratteristiche architettoniche.

Il Programma sarà online a partire dal 20 aprile.

Le prenotazioni (solo per alcuni dei luoghi in programma) saranno aperte il 30 aprile.
Per i tesserati OHR365 sarà possibile prenotarsi dal 20 aprile