Notice: Constant WP_MEMORY_LIMIT already defined in D:\home\inarchlazio.it\httpdocs\wp-config.php on line 199
Maggio 2019 – INARCHLAZIO

il futuro dello spazio pubblico

i lunedì dell’architettura | IN/ARCH Lazio
data : lunedì 27 maggio 2019 h. 18.30
sede : ACER – via di Villa Patrizi 11 Roma
Il futuro dello spazio pubblico – tavola rotonda
Saluti e presentazione: Amedeo Schiattarella
Introduzione: Emma Tagliacollo
Coordinamento: Nicolò Savarese
Partecipanti: Paola Carobbi, Manuela Alessi, Maria Cristina Tullio

IN/ARCH Lazio è tra i promotori della Biennale Spazio Pubblico 2019 – con INU, INU Lazio, CNAPPC, Dipartimento Architettura Roma Tre, AIAPP, AIIT, FIAB – in programma dal 30 maggio al 1 giugno al Dipartimento di Architettura di Roma Tre.
Il principio ispiratore di questa edizione è “Incontri”, tema che riassume criticità e speranze degli spazi pubblici declinati nelle tre aree tematiche di mobilità sostenibile, verde e arte pubblici.
In vista dell’apertura della BiSP, e come osservatore privilegiato delle dinamiche e delle evolu-zioni dello spazio pubblico del territorio, IN/ARCH Lazio contribuisce al dibattito ospitando lunedì 27 maggio la tavola rotonda sul futuro dello spazio pubblico con Paola Carobbi, Manuela Alessi, Maria Cristina Tullio del comitato scientifico della BSP, e il coordinamento di Nicolò Savarese.
L’obiettivo è arrivare a conclusioni utili per il miglioramento della qualità dello spazio pubblico, come previsto dall’Agenda 2030 e sottoscritto nel 2015 dai governi dei Paesi membri dell’ONU: assicurare spazi pubblici sicuri, inclusivi e accessibili per tutti.


IN/ARCH Lazio è promotore della Biennale dello Spazio Pubblico
30, 31 maggio – 1° giugno, Dipartimento di Architettura dell’Università ROMA TRE

IN/ARCH Lazio partecipa alla Biennale dello Spazio Pubblico assumendo il ruolo di inter-locutore all’interno della riflessione sullo spazio pubblico.
L’interesse allo spazio pubblico è stato esplicitato con l’ideazione condivisa con l’Ordine degli Architetti di Roma e il II Municipio del concorso di rinnovamento urbano di due piaz-ze del quartiere, che recentemente ha visto noti i progetti vincitori.

“Seguendo il nostro impegno come interlocutori nella Biennale dello Spazio Pubblico, abbiamo coinvolto le sezioni regionali, in quanto osservatori privilegiati, chiedendo di par-tecipare alla riflessione attraverso una call a livello territoriale, e una selezione di progetti significativi. Da questo nasce Voci dai territori: una mostra eterogenea che più che solu-zioni intende raccogliere interrogativi sullo spazio pubblico, cercando di capire come il progetto dello spazio pubblico venga oggi affrontato. Inoltre ci confrontiamo sulle temati-che proposte e coordiniamo un seminario sulle Mura urbane ” Spiega Emma Tagliacollo, coordinatrice di BiSP per IN/ARCH Lazio.

Durante la Biennale sarà possibile visitare la mostra curata da IN/ARCH Lazio nell’aula Magni dell’Università di Roma Tre. Il 31 maggio, dalle 15 alle 19 nell’aula Ersoch, è in programma il seminario Mura urbane a cura di Rosario Pavia, volto ad individuare strate-gie d’intervento per la conservazione delle mura urbane, e per la loro integrazione nello spazio pubblico e nella vita della città.


Biennale dello Spazio Pubblico 30, 31 maggio – 1° giugno
mostra Voci dai territori – a cura di IN/ARCH Lazio
sede : Università di Roma Tre – aula Magna
date : 30,31 maggio – 1° giugno

seminario Mura urbane – a cura di Rosario Pavia
sede : Università di Roma Tre – Aula Ersoch
date : 31 maggio h.15 -19

per maggiori informazioni

IN/ARCH Lazio
www.inarchlazio.it
email : info@inarchlazio.it

ufficio stampa | Lucia Bosso
email : lucia.bosso@basedarchitecture.com
tel. +393383226379

EXTRA MOENIA – Nicola Auciello

Dal cucchiaio alla città si diceva un tempo per descrivere il lavoro degli architetti.
Più di recente si parla molto (ma mai abbastanza) della città, poco del cucchiaio. I due incontri in successione che si terranno al Caffè Letterario (luogo scelto non casualmente proprio perché hub culturale privato fondato da Vincenzo Pultrone, architetto ed imprenditore nel campo del design) si occuperanno della progettazione alla piccola scala – il “cucchiaio” – con due protagonisti della scena romana: Patrizia Di Costanzo e Nicola Auciello.
La formula scelta è quella del duetto: nella serata dedicata a Patrizia – abile ed instancabile collezionista di immagini quasi a volersi costruire una particolare autobiografia iconografica – Nicola farà da “controcanto” per accompagnare il racconto di Patriza ma anche per indagarne le motivazioni ed approfondirne il senso e la sua utilità.
Nella serata dedicata a Nicola – autore di una progettualità che in altre occasioni fu definita “simpatica” come quell’inchiostro apparentemente invisibile ma che si rivela se sottoposto a speciali trattamenti, come quando l’altro sente condiviso il proprio sentire, come quella parte del sistema nervoso che regola il battito cardiaco – sarà Patrizia, ribaltando le posizioni, a fare da “controcanto”.


Nicola Auciello fonda nel 2003 na3 architetti basando i progetti su un percorso poetico–emozionale ed estraneo ad inutili virtuosismi temporanei.
L’ambito di intervento spazia dalla ricerca a quello progettuale nell’architettura pubblica, residenziale e degli interni, nel design industriale ed exhibit design avvalendosi, quando necessario, di una rete consolidata di consulenze specialistiche. Tra i lavori recenti il Centro Caritas per Senza Fissa Dimora in Ladispoli (Roma), progettato insieme a Beniamino Servino. Nel 2010, sempre in Ladispoli, ha progettato il Centro Sportivo Polifunzionale di ginnastica artistica. Nel 2008 la riqualificazione di alcune agenzie Unicredit Banca nel Lazio del Gruppo Capitalia. A Roma, nel 2001 ha partecipato al progetto della ristrutturazione e il riallestimento del Museo della Civiltà Romana su incarico della Fiat Engineering (oggi Maire Engineering) con Marta Laudani, Marco Romanelli e Massimo Noceto. I lavori dello studio na3 hanno vinto premi e riconoscimenti, e sono stati pubblicati su libri e riviste italiane e internazionali oltre ad essere esposti in conferenze e mostre; tra le più rilevanti: MAXXI | Roma, Triennale | Milano, Complesso del Vittoriano | Roma, Casa dell’Architettura | Roma,
Museo MRSN | Torino, Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia | Milano, Palazzo Valmarana Braga | Vicenza, Biennale di Architettura | Shangai, XI Triennale Mondiale di Architettura | Sofia, Festival dell’Architettura | Terni, Visions Beyond Media | Firenze, Padiglione Finlandese | Siviglia, Salone del Mobile | Milano, MiArt | Milano, BuildUp | Milano | Padiglione Italia Expo 2015.
Nel 2010 lo studio viene segnalato al Premio Regionale InArch di Architettura Contemporanea RomArchitettura4 nella categoria “intervento realizzato, progettato da un giovane progettista”. Nel corso dello stesso anno vince il Premio Residential Space Design Excellence alla Biennale di Architettura IAI di Shangai (Cina). Nel 2013 è menzionato al Premio ‘La Ceramica e il Progetto’ Confindustria Ceramica, presso il MAXXI di
Roma.
Nel settembre del 2013, in occasione dei primi dieci anni, viene pubblicato Quattro Case Viste da dentro, primo libro monografico dedicato allo studio, edito da LetteraVentidue.
Nel giugno 2014 fonda INTERNI ITALIANI laboratorio di ricerca sull’architettura degli interni italiana.
Nel 2016 vince il concorso per la progettazione della nuova immagine Made in Italy nel Mondo dei nuovi spazi fieristici ICE – Istituto Commercio Estero per il Governo Italiano.
Nicola affianca all’attività progettuale la docenza in progettazione presso IED e IED MASTER – Istituto Europeo Design – e la ricerca storico-critica con la pubblicazione di saggi di architettura e design.

IL QUARTIERE TRIESTE TRA PIAZZA VERBANO E PIAZZA ISTRIA

Promosso da IN/ARCH Lazio, Do.Co.Mo.Mo ItaliaPrenota

Tour a cura di Emma Tagliacollo e Rosalia Vittorini.

Descrizione

Un percorso nel cuore del quartiere Trieste, sorto a partire dagli anni ’20 con la lottizzazione di Villa Lancellotti e dei terreni circostanti. Il nucleo di piazza Verbano, attorno a cui si progetta il quartiere INCIS per le famiglie dei dipendenti statali, si concludeva con il Parco Virgiliano ideato da De Vico. L’area presenta una commistione di costruito e di verde e al suo interno possiamo esplorare un’interessante stratificazione: dalle prime catacombe sino a significativi esempi di edifici d’autore costruiti tra gli anni ’30 e gli anni ’60 da architetti quali Aschieri, Quaroni, Aymonino. Altro fulcro del quartiere è Piazza Istria, un punto di snodo lungo corso Trieste che collega via Nomentana con via Salaria. Da qui iniziò, nel secondo dopoguerra, quella fase di edilizia intensiva che si estenderà verso il quartiere africano.

Informazioni

Piazza Verbano – spazio verde al centro

Mezzi pubblici
Metro: 
Bus: 63 / 92 / 83 / 310

Max 40 persone per volta con prenotazione su sito Open House Roma e rush line

Accesso disabili: Si

www.inarchlazio.it ,www.docomomoitalia.it 

Orari

Sabato

16.00

Domenica

Chiuso